Regolamento Sezioni

La Sezione è l’unità organizzativa fondamentale del Partito e può essere territoriale o di categoria.

Sono Sezioni territoriali quelle che operano su di una porzione di territorio definito e sono costituite almeno da 15 associati che risiedono nel territorio di competenza od operano in quell’ambito per effettive ragioni di studio, istituzionali o di lavoro.
Per i Comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti nonché i Comuni istituiti a seguito di fusione tra Comuni aventi ciascuno popolazione fino a 5.000 abitanti può costituirsi una sola sezione. Le sezioni, ai fini della propria operatività, devono richiedere il riconoscimento alla segreteria nazionale direttamente o su proposta della segreteria regionale o provinciale.

Su proposta di sezioni territoriali regolarmente costituite possono essere costituite sezioni distaccate, nella propria provincia di riferimento laddove non si riesca a raggiungere il numero minimo di iscritti (15 associati) per la costituzione di una sezione ordinaria autonoma. Le sezioni distaccate potranno essere costituite con un minimo di 4 iscritti, dovranno essere autorizzate dalla segreteria nazionale su proposta della sezione ordinaria di riferimento ed eserciteranno i diritti di cui al presente statuto presso la sezione territoriale ordinaria di riferimento.

Le Sezioni di categoria possono essere costituite nell’ambito di specifici settori professionali o categorie lavorative ovvero essere costituiti all’interno di specifici luoghi di lavoro (fabbriche, industrie, uffici) per consentire al partito di essere sempre in sintonia con le esigenze e i bisogni della propria classe militante. Le Sezioni di categoria operano esclusivamente nel loro ambito specifico e sono equiparati alle Sezioni ordinarie per quel che concerne l’azione di indirizzo politico.
Le Sezioni di categoria, ai fini della propria operatività, devono richiedere il riconoscimento alla segreteria nazionale direttamente o su proposta della segreteria regionale o provinciale.
Gli associati alle Sezioni di categoria esercitano i diritti di cui al presente statuto presso la sezione territoriale di residenza.
Il Presidente Provinciale, previo parere del Coordinamento Provinciale, può designare un fiduciario nei comuni in cui non siano costituite sezioni territoriali.
Le Sezioni territoriali e di categoria, nell’osservanza delle direttive degli organi nazionali, regionali e provinciali, dispongono di capacità organizzativa interna e sono gli unici titolari della rappresentanza politica sul territorio.
Le Sezioni non possono assumere obbligazioni verso terzi e impegni negoziali di alcun tipo per conto o con la spendita del nome del Partito e dei suoi rappresentanti.
Ogni ulteriore controversia in tema di costituzione delle sezioni sarà demandata al collegio dei probiviri.

Back to top button